G come GHIACCIAIA

G

Buon giorno cari followers
com’è andato il weekend e come procede la settimana??

Oggi nella nostra rubrica #abcVilla vi parleremo di un nuovo “ambiente funzionale” presente nelle ville venete: la ghiacciaia.
La ghiacciaia, come il nome facilmente ci fa intuire, è il luogo in cui veniva prodotto e immagazzinato il ghiaccio prima dell’invenzione dei moderni frigoriferi. Solitamente si trattava di una “struttura”, nella quale venivano raccolte le acque di un fiume o di un piccolo canale, trasformate successivamente in ghiaccio, quando la temperatura ambientale scendeva al di sotto dello zero termico. Il ghiaccio così prodotto, veniva diviso in blocchi, conservato e utilizzato durante l’estate.
Molte ville venete erano dotate di ghiacciaia per la conservazione degli alimenti; e il termine dialettale con il quale venivano designate queste costruzioni era giazera ovvero ghiacciaia naturale.

Ecco dove potete trovare ancora alcune ghiacciaie…

VILLA PISANI a Stra (VE)
La ghiacciaia di Villa Pisani, detta anche “la casa dei freschi“, era una collinetta artificiale, cava internamente e circondata da un fossato. D’inverno, con l’abbassarsi delle temperature, l’acqua del fossato ghiacciava. Il ghiaccio veniva quindi tagliato in grossi blocchi che, attraverso un cunicolo, venivano ammassati all’interno della collinetta e utilizzati per conservare i cibi e le bevande durante il caldo periodo estivo.
Sulla sommità della collinetta si erge una piccola loggia quadrata, progettata nel 1720 come luogo di sosta per i villeggianti, durante le passeggiate nel parco. Il relax al suo interno, era particolarmente piacevole, soprattutto nei giorni più caldi, in quanto si poteva trovare ristoro dalla calura grazie all’aria fresca che saliva dalla grotta sottostante, attraverso dei fori realizzati nel pavimento.
Villa Pisani
[Immagine: Villa Pisani a Stra detta la Nazionale e la loggia sulla sommità della collinetta della giazera]

VILLA BENZI-SMANIA a Stra (VE)
Anche la giazera di Villa Benzi è costruita al di sotto di una fresca collina artificiale; benché, dal punto di vista costruttivo, è unica ed originale nel suo genere. Si tratta infatti di un cono inserito nel terreno e sormontato da una cupola.
È stata avanzata l’ipotesi che il progetto della ghiacciaia sia di mano dell’architetto Giuseppe Jappelli.
Oggigiorno, nella ghiacciaia è conservata una collezione di vetri, porcellane e terrecotte.
Villa Benzi
[Immagine: Facciata di Villa Benzi-Smania e interni della ghiacciaia]

CASTELLO DI SAN PELAGIO a Due Carrare (PD)
Nel castello di San Pelagio, la ghiacciaia è una stanza sotterranea di circa 80 metri cubi, costruita in mattoni e con il soffitto a volta. Si può salire sulla sommità della collina attraverso un sentierino a chiocciola. Una volta in cima si può vedere la botola dalla quale veniva gettata la neve e il ghiaccio, utilizzati poi in estate.castello di san pelagio
[Immagine: Facciata del cappello di San Pelagio – Sezione della ghiacciaia – Botola da cui veniva calato il ghiaccio e la neve]

Augurandovi una buonissima giornata
vi diamo appuntamento a venerdì con un post speciale dedicato a
un nuovo giardino di villa… curiosi?!?!
Firma

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in #abcVilla e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...