L come LOGGIA

letteraLLa loggia è uno degli elementi architettonici tipici della struttura architettonica delle ville venete, rintracciabile soprattutto in quelle in stile palladiano.

La loggia è un elemento architettonico aperto interamente almeno su lato, coperto, spesso rialzato, sostenuto da colonne e pilastri.
Le logge sono rintracciabili non solo nelle ville, ma anche in palazzi, in edifici religiosi e persino come componente autonomo!

In passato la loggia aveva lo scopo di dare uno spazio ai mercanti, coperto ma al contempo aperto agli acquirenti, ma anche a eventi di natura pubblica come assemblee o riti civili.
In questo senso, è un esempio la Loggia dei Lanzi a Firenze (1376-1382), in Piazza della Signoria, che ospitava tutte le cerimonie pubbliche della Repubblica fiorentina.

Loggia dei Lanzi[Immagine: Loggia dei Lanzi, Piazza della Signoria Firenze – Fonte: Pinterest]

Nella bella Treviso potete ammirare la Loggia dei cavalieri, architettura in stile romanico adibita come luogo di ritrovo per i nobili.
Questa loggia è sostenuta da archi a tutto sesto, poggianti su colonne di pietra viva; la parte più affascinante sono sicuramente gli affreschi dei Cavalieri nella parte superiore.

loggiadeicavalieri[Immagine: Loggia dei Cavalieri, Treviso]

A Padova potrete invece trovare la Loggia Cornaro, edificio molto importante per la storia delle ville venete, e ha indubbiamente influito sull’architetto padovano Palladio.
La Loggia Cornaro è stata infatti interamente decorata da Giovanni Maria Falconetto, il quale si è ispirato ai temi della roma classica e a Vitruvio…insomma gli stessi principi a cui ambiva lo stesso Andrea Palladio!
La loggia Cornaro è composta da tre archi e guarda direttamente al girdino interno, luogo dedicato al teatro e alla recitazione.

Tornando alle nostre ville venete, la loggia è presente anche in alcune dimore pre-palladiane; ma sarà soprattutto con l’architetto padovano e la sua creazione di una veste architettonica tipica della villa, diversa dalle tipologie edilizie già esistenti, che tale elemento, troverà la definitiva fortuna.

Le prime logge palladiane – 1537 circa- risultano abbastanza convenzionali, ne è un esempio Villa Godi Malinverni  presso Lonedo di Lugo (VI).
In questo caso la loggia presenta uno spazio aperto lungo un solo lato con tre arcate che crea uno spazio riservato ed accogliente.

Malinverni

[Immagine: Visione frontale e pianta di Villa Godi Malinverni. Fonte: Pinterest]

Andrea Palladio nei suoi Quattro Libri dell’Architettura parla delle logge in questi termini:

“Servono queste logge a molti comodi, come a passeggiare, a mangiare et ad altri diporti, e si fanno e maggiori e minori come ricerca la grandezza e il comodo della fabbrica, ma per il più non si faranno meno larghe di dieci piedi né più di venti […]”
[Andrea Palladio, I Quattro Libri dell’Architettura, (I, 21, p.69)]

La loggia quindi, dà forma all’idea di anteporre alla parte centrale della villa, in corrispondenza del salone d’onore, un porticato colonnato che aprisse la stanza verso il parco e i giardini; creando un’armonica transizione tra interno ed esterno.
Gli scopi dell’architetto sono come di consueto due: estetico e funzionale, ovvero creare un ambiente decisamente piacevole, dove sostare e riposarsi, passeggiare e intrattenersi al coperto, dove godere contemporaneamente del paesaggio circostante e dell’architettura, spesso affrescata.

Palladio trasformerà in modo tanto radicale quanto originale l’eredità ricevuta dai contemporanei e dagli Antichi, plasmando una “componente architettonica” per le casa di campagna di grande successo!

Negli anni ’40 del Cinquecento Palladio fa della loggia uno degli elementi centrali: lo si può notare a Villa Cornaro a Piombino Dese, a Villa Pisani a Montagnana e a Villa Chiericati a Vancimuglio.

Pisani[Immagine: Villa Cornaro (Piombino Dese) e Villa Pisani (Montagnana)]

Nel successivo quinto e nel sesto decennio, il motivo della loggia riceve ulteriori evoluzioni. Troviamo due tipologie di loggia:

-la forma incassata, come nelle ville Badoer (Mocenigo), Valmarana (Lisiera) ed Emo (Fanzolo).

Loggia-da-interno
[Immagine: Villa Emo (Fanzolo di Vedelago) visione interna della loggia. Da questa foto è facilmente comprensibile come la loggia “entri” nel corpo della villa]

-la forma sporgente, che caratterizza, in modo assai diverso, i due capolavori della Malcontenta a Mira e della Rotonda a Vicenza.
Nella prima il portico sorge sopra un basamento e si protende libero verso il paesaggio della Brenta, staccandosi dal corpo vero e proprio della fabbrica.
Nella seconda ben quattro logge sporgono dalla massa cubica retrostante individuando due percorsi: quello frontale che attraversa l’ingresso e si apre verso sud-est, e quello trasversale che individua due altri punti di osservazione verso il “teatro” delle colline circostanti.

Pin[Immagine: Villa Almerico Capra detta “La Rotonda”, (Vicenza) e Villa Fosacri “La Malcontenta”, (Mira) – Fonte: Pinterest]

Oggi molti eventi estivi trovano spazio in questi ambienti. Bellissimo esempio è sicuramente Villa dei Vescovi  a Luvigliano di Torreglia (PD), che organizza serate a dir poco romantiche proprio nelle due ampie logge che incorniciano la dimora; come aperitivi e cene a lume di candela.
La loggia di questa villa ci è davvero rimasta nel cuore..chissà forse perché è stata la prima villa che abbiamo visto insieme!

LoggiaVescovi
[Immagine: Alcune vedute interne ed esterne delle logge di Villa Dei Vescovi (Luvigliano di Torreglia – PD)]

E anche per oggi cari follower abbiamo concluso il nostro tempo, vi diamo appuntamento a venerdì con un post molto speciale …non perdetelo!

Firma

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in #abcVilla e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...